Info

Il mio alquanto sconquassato viaggio nella fotografia è segnato da due eventi legati a due scoperte.

Il primo risale al 1986 quando con i miei genitori andai a trascorrere le vacanze estive in montagna ed uno zio ci prestò una vecchia macchinafotografica. Era una Agfa Isolette 6x6 a soffietto con rulli da 12 pose e... pochi rulli da usare.

Sinceramente non ho molti ricordi delle foto fatte, ma il ricordo di decidere il diaframma/tempo e impostare spannometricamente la distanza è però ben vivo. Il Natale successivo i miei genitori mi regalarono una reflex (Ricoh KR-10 Super) e via a scattare...

Il secondo evento è un po' più recente. Siamo nell'anno 2000, la mia ragazza (attuale moglie), all'epoca studente di architettura, con il suo gruppo doveva urgentemente fotografare l'esterno di un teatro, presto detto, scelsero me; il padre di uno dei componenti del gruppo tirò fuori da una polverosa borsa una Nikon F... la restituii qualche anno dopo. Questo fu il mio primo incontro con una, seppur datata, macchina professionale.

Nel frattempo il tarlo della fotografia iniziò il suo lavoro, un tarlo maledetto che mi ha sempre portato a domandarmi: ma perché fotografi? La risposta non è né completa né facile: sicuramente quello che mi interessa è suscitare, nel bene o nel male, delle emozioni in quelli che guardano le mie immagini. Questo mi portò ad aderire all'iniziativa di un amico creando un sito (mv-images.com) dove poter rendere visibili i nostri scatti al mondo.

Poi gli anni sono passati e le esigenze sono cambiate, quindi ho creato questo sito e ho deciso di avere anche un rapporto "umano" con altri appassionati iscrivendomi al Fotoclub Il Sestante.

marco@marcofatilli.com

Flickr

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>